I papassini di Piera

I papassini sono un dolce tradizionale natalizio sardo, che ovviamente vengono declinati in infiniti modi. Presentiamo qui la ricetta di Piera di Palau, estirpatale con un subdolo trucco ed una promessa mancata, e che è una rielaborazione di una rielaborazione e cioè è originale.

Tempo di preparazione: tra lo sgusciare la frutta secca, il mettere a bagno l’uva passa, il fare tre o quattro infornate e la glassa contate non meno di quattro ore.

Difficoltà: molto laborioso ma non difficile, a prova di forza di volontà più che di neuroni. Però a Piera vengono meglio.

Dose: da mandria.

Ricetta di Piera Ingredienti

Ingredienti di Piera:
1/2 chilo di farina tipo 00
175g di strutto ma noi abbiamo usato il burro, non ditelo a Piera
200g di zucchero
3 uova intere ed un tuorlo, l’albume tenetelo da parte per la cappa
100g di mandorle tostate
100g di noci
100g di uva passa
la buccia di un limone o di un’arancia grattuggiata, noi non la mettiamo, non ditelo assolutamente a Piera!
una bustina di lievito
Per la cappa:
un albume un po’ montato
100g di zucchero a velo
una busta di diavolini, Piera li chiama così, sono quei pallini di zucchero colorato con cui abbellire (o abbruttire) dolci e gelati. Chiedete della “Momperiglia”


Farina Burro fuso
Primo impasto

Fate una simpatica montagnetta di farina e versateci dentro lo strutto riscaldato a bagnomaria (burro, mi sembra burro!). Impastate fino a quando la necessità dell’aggiunta delle uova si fa impellente. Aggiungete tre uova intere ad un tuolo e continuate ad impastare.

Vulcano

Nel frattempo se non avete comprato costosissime mandorle tostate ma avete rubato un po’ di mandorle dall’albero del giardino del vicino, dovete snocciolarle e poi tostarvele da voi facendole passare in forno caldo a 200°. Occhio che la madorla passa dal tostato al bruciato in un nanosecondo.

Mandorle a tostare Zucchero

Aggiungere lo zucchero e giù a impastare fino ad ottenere una pallottola bella elastica.

Impastare Spezzettare le noci

Passare nel mixer le noci, Piera dice “non troppo fini, mi raccomando”, ed aggiungerle alla pasta…

Noci

… e stessa cosa con le madorle tostate.

E mandorle Uvetta

L’uva passa preventivamente ammollata in acqua, la si asciughi benino e la si ripassi in un pugno di farina, per poi aggiungerla all’impasto.

Aggiunta dell'uvetta

Ecco come deve apparire l’impasto alla fine della fatica.

Impasto Lievito

Ci siamo quasi. Aggiungiamo il lievito…

Separazione Rotolo

..reimpasiamo, estraiamo quelli che tecnicamente si chiamano “i rotoli”, notare che sul piano è stata sparpagliata un po’ di farina, e poi andiamo a ritagliare le tradizionali forme a parallelepipedo. Tenete il rotolo bello basso, anche meno di un centimetro, che poi sennò lievitando vengono fuori palloncini che tradiscono la tradizione e poi chi la sente Piera?

Taglio Sulla teglia

Teglia, carta da forno, parallelepipedi bassini, forno a 185°, timer a 12 minuti (indicativamente). Fate così, usate la prima infornata per capire bene i tempi.

Pronti In forno

Ecco fatto. Notate che la superficie del papassino cotto non si è scurita, anche se dentro deve essere bello crocccante, naturalmente.

Sfornati Senza cappa

Facciamo la glassa, che però chiamiamo cappa:

Iniziamo da qui.

Cappa Cappa da vicino

Diamo due colpi al bianco dell’uovo ed iniziamo ad aggiungere a pioggia lo zucchero a velo fino ad ottenere una specie di cemento a presa rapida che metta a dura prova il nostro gomito.

Spalmare Cappa e diavolini

Papassino per papassino spalmate il cemento, cioè la cappa, e poi date una passata di diavolini. Indipendentemente dalla quantità della cappa questa operazione si dovrebbe svolgere abbastanza velocemente in quanto la cappa tende ad asciugarsi molto velocemente. A volte la cappa non si asciuga, non si sa perchè.

Finiti!
E finalmente… I PAPASSINI DI PIERA!


Link:
Disclaimer: è un vero casino tener traccia di tutti i link di chi ha partecipato. Forse GN ci dovrà aiutare.
Linjat
Hotel Earle
Questo blog dice il falso
Un tocco di zenzero
Il cavoletto di Bruxelles

Commenti
  1. [...] Ecco il contributo a The Bloggers’ Christmas Cookbook di Macchianera. Sono i papassini, un piatto natalizio tradizionale gallurese ma non solo gallurese, anche di altre zone della Sardegna. La ricetta che abbiamo usato e che ci è stata gentilmente fornita da Piera di Palau e della sua origine se ne perde un po’ la memoria, compresi alcuni aggiustamenti che via via sono stati fatti. Però i papassini sono così, seguendo questa ricetta vengono giusti. Leggete qui la ricetta. Technorati Tags: dolce gallura macchianera natale papassini piera sardegna   [link] [...]

    • PIETRINA CARBONI scrive:

      SENZA OFFESA, MA DAVVERO NN SI PUO’ METTERE IL BURRO!!! CAMBIA COMPLETAM IL SAPORE… STRUTTO STRUTTO STRUTTO A GO GO!

  2. Ricetta di Natale…

    Dopo aver incautamente deciso di raccogliere il guanto di sfida, ecco qui il mio capolavoro (si fa per dire) natalizio: non sono un professionista, e nemmeno un dilettante dotato, quindi prendete pure la cosa con tutte le cautele del caso, però a me n…

  3. paolo scrive:

    non sono un dolce natalizio sos papassinos
    si fanno per i santi e i morti
    in tutta la sardegna

  4. tonina scrive:

    per me sono i dolci di natale che preparavo di notte insieme a mia mamma (di giorno lavoro) e che regalavamo a parenti e amici personalizzandoli con formine natalizie
    io abito a Genova e anche adesso che mia mamma non c’è più continuo a prepararli con lo stesso amore e sono attesi da tutti più dei regali saluti a tutti

  5. [...] Abbiamo fatto i papassini, perché qui sono un dolce natalizio, nonostante quanto detto in passato, chiamatela testardaggine. Sono in coma da glicemia, se me lo state chiedendo, incremento netto del peso corporeo di 4 chili. Seguendo pedissequamente la ricetta di Piera vengono davvero buoni. [...]

  6. Mariola scrive:

    Bo Nadal! Vi scrivo dalla Spagna, anzi, dalla Galizia (nordovest della spagna, proprio sopra il Portogallo), una specie di Sardegna,anche isolata, ma non dal mare. Faccio l’insegnante d’italiano a Vigo e ho preparato i vostri papassini per portare a scuola. Cercavo su internet qualcosa di nuovo da fare e da far assaggiare ai miei alunni, che oltre al famoso panettone e al pandoro non conoscevano nessun dolce natalizio. Vi posso assicurare che i vostri papassinos sono stati un successone! Vi mando un bacione da Vigo e saluto tutti i sardi del moldo, che se lo meritano! Buone vacanze!! un bacio**

  7. [...] in una pasticceria di Macomer. dolce tipico sardo [...]

  8. Paola scrive:

    replica ai papassini di Piera : Paola 1949 ( dose per 1 Kg di farina): 250 gr di zucchero;400 gr di strutto;3 uovo + 1 rosso (tenere da parte il bianco che andrà sbattuto un pochino, poi verranno aggiunti gr.200 di zucchero a velo, continuare a lavorare il tutto con lo sbattitore elettrico finchè non si otterrà una glassa che dovrà fare il filo quando solleverete le fruste )2 bustine di lievito, 2 bustine di vanillina,300 grammi di mandorle pelate e tostate e tritate grossolanamente; 200 gr. di noci tritate grossolanamente; 1 arancia grattugiata; 1 limone grattugiato; gr 250 di uva passa precedentemente ammollata in acqua tiepida a cui verrà aggiunto un pochino di liquore dolce. lavorare energicamente il tutto, poi fare delle piadine alte circa mezzo centimetro e con le apposs ite formine fate i papassini che poi infornerete a 180° senza ventilazione per 15/20 minuti. Buon lavoro e buon appetito.

  9. arturo scrive:

    io speriamo che me la cavo

  10. angelo scrive:

    Ho seguito la ricetta di paola e mi sono trovato bene. Non ho messo la glassa perche preferisco il gusto del papassini….

  11. Maria Giovanna scrive:

    Sos Papassinos non sono dolci Natalizi, qui in Sardegna si fanno da sempre per i Santi e i Morti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...