L’immane forza sociale dell’antispocchia

Pubblicato: 3 novembre 2006 in Cucina, Sano localismo
Tag:

C’è poco da fare, la pagina dei papassini è diventata la più letta di tutte le pagine che io abbia mai pubblicato e che mai pubblicherò nei secoli dei secoli. E dire che un certo Paolo mi commentò “non sono un dolce natalizio sos papassinos si fanno per i santi e i morti in tutta la sardegna”. Ora io sardo non lo sono, ma qualcuno che cammina per casa mia, mangia per casa mia, dorme per casa mia e fa molte altre cose sempre per casa mia sardo lo è eccome. E così basandomi sulle mie conoscenze risposi a ‘sto Paolo con la mia solita spocchia qualcosa tipo vuoi mettere? non sai nulla tu, io sì che ho in casa chi mi dice la verità.
Beh, caro Paolo. Un sacco, ma davvero un sacco di sardi (e non solo) sono venuti a leggere la pagina dei papassini in questi giorni. Quindi, se non altro, i papassini sono SOCIALMENTE un dolce dei santi e dei morti. Vedremo che succede a Natale.

Advertisements
commenti
  1. Simo ha detto:

    Salutami tanto il sardo che è in te. O attorno a te. Insomma, salutamelo.

  2. Simo ha detto:

    Salutami tanto il sardo che è in te. O attorno a te. Insomma, salutamelo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...