De libera molle rei virtus

Pubblicato: 4 dicembre 2006 in I brividi del sistemista Unix, Non parcheggiare nei luoghi comuni

Un post un po’ tecnico, mi ero ripromesso di dirottarli sul blog di NelWeb ma quanto successo tra ieri e oggi mi ha scatenato un po’ di pensieri che vanno benissimo anche qui. Siccome che volevo installare Shoutcast e quello che passa in convento, è uno splendido passare intendiamoci, è una Sun Sparc con Solaris 9 e a me piace tanto l’idea di usare software libero per poi vantarmene con gli amici nei club privè mi son detto, o grullo, perché non ti lanci su Icecast che è lo stesso ma meglio?
Poi uno è anche padre di famiglia, ha una casa da governare non è che proprio ci può perdere tutta la vita dietro a ‘ste cose. Vale la legge del quarto d’ora, se dopo un quarto d’ora non va, non va.
Già Icecast inizia a chiedere libxml2 che in effetti su Solaris 9 c’è in versione nativa ma lui no, vuole quella GNU ecchescherzi? che software libero sarebbe se no? e così mi scarico libxml2 me la installo e vabbè Icecast non va lo stesso, cioè parte anche ma poi si schianta alla prima connessione.
Bravi tutti a parlar male. Shoutcast viene in formato eseguibile, chiuso, roba che non si vedeva da decenni, però ragazzi, cinque minuti tra scaricare scompattare e modificare due righette nel file di configurazione e pronti e via e va. Cosa ci voglio fare con Shoutcast? sarebbe un altro discorso ma la risposta è ovvia, i miei futuri comizi politici, no?
Sta di fatto che stamane mi sveglio con il sistema di templating per Php che usiamo su quella macchina che si rifiuta di andare, sistema di templating che, guardacaso, funziona con trasformazioni xslt a partire da xml. Tutto il pane e volpe dell’infanzia malata e ci è voluto un attimo ad isolare il problema, ma non a risolverlo. Quello solo 10 ore dopo, anche se detto qui poi sembrerà ovvio. Il tutto andava in crash perché libxslt nativa di Solaris non gradiva libxml2 di GNU, ed è bastato installare la versione GNU per far ricominciare a funzionare tutto come per magia.
Ora, questo comportamento da parte del software Sun è pure comprensibile, da parte di quello GNU un po’ meno, solo per la sensazione di chiusura ed impotenza che dà l’essere obbligati a migrare un intero sistema per una stupida libreria di parsing, non che non ce ne sia l’abitudine in ambiente Microsoft, però ecco,in ambiente Unix ci eravamo scordati proprio di queste cose. Inoltre sono consapevole che il tutto potrebbe essere addebitato ad imperizia ma insomma, quell’altro, quello cattivo, lo accendi e va e non è mica poco. Sono anche sicuro che a questo punto Icecast funziona a dovere, ma non so se ne ho più voglia, dovrei?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...