Tre matrimoni ed una proposta: come trasformare (di poco) i siti dei quotidiani italiani

Pubblicato: 28 gennaio 2008 in Consigli, Giornalismi, Internet, Media, Non si fa così
Tag:, ,

Antefatto (lo si legge bene in questo articolo): un tipo che ha un blog cioè anzi un tumblr che voi non lo sapete ma è molto più di un blog, Paulthewineguy si è inventato una cosa che possiamo riassumere così: prendo un capolavoro della pittura e lo maneggio un po’ per renderlo più comprensibile ai geek. Idea molto carina, grande successo sia sui media di nuova generazione e finalmente anche sul Corriere, che però fa l’errore di non linkare nulla sollevando le proteste di molti.
Risultato della bufera: Paulthewineguy si stufa e toglie tutte le immagini argomentando tra l’altro “Chiedo veramente scusa a tutti per la cancellazione, pregandovi di non farne una questione più importante di quello che è: 4 stupidi ritocchi fotografici”.
Quello che successo e che succede quotidianamente con in grandi siti di informazione italiani, e non solo, in questo caso l’Italia è in ottima compagnia, è il sintomo di una gestione ambigua e a mio avviso errata del mezzo che è per sua natura esposta al rischio di errori di questo genere.
In un sito come quelli di Corriere o Repubblica sono presenti contemporaneamente almeno tre oggetti distinti che però nella fruizione distinti non sono: c’è una fotocopia del giornale cartaceo, ci sono le breaking news, ci sono le risorse scovate in rete che tanto fanno imbufalire i vari esperti: tette e video senza citare la fonte. Eppure dovrebbe essere chiaro che:

Non tutto quello che appartiene al cartaceo è fruibile da web. Questa ovvietà dovrebbe essere ancor più ovvia a loro, ammesso che possiedano statistiche di accesso che non siano drogate dal refresh coatto, che a questo punto dovrebbero essere in grado di modulare la lunghezza degli articoli al tipo di fruizione.

Le breaking news sono un’arma a doppio taglio (e quando non ci sono notizie che si fa?) ma non c’è dubbio che la loro sede naturale sia la rete e non c’è dubbio che la loro sorgente naturale sia di tipo giornalistico. Sono una specie di “Edizione straordinaria perpetua” e ci vuole mestiere.

Ed ecco la proposta: creare redazioni apposite e piattaforme apposite per la ricerca e la ripubblicazione di informazioni sul web. La piattaforma di riferimento ovviamente è tumblr ma non mi sembra possibile “prenderla e portarla dentro”, mi sa che bisogna proprio rifarla da capo. Però questa sarebbe l’occasione d’oro per assumere gente competente che faccia un lavoro che necessita conoscenza della rete e proprietà di linguaggio e per aumentare senza trucchetti da prima elementare l’interesse che può suscitare un sito di questo genere.

Come comporre poi queste tre sezioni è un’ulteriore sfida che secondo me nessuno si è ancora posto in questi termini nemmeno tra i grandi media americani.

Questo significa anche fare lo sforzo di (ri)dare dignità al cartaceo, sforzandosi di farvi convergere i lavori di maggior corpo, le inchieste, le biografie, le grandi recensioni, le monografie.

Insomma non basta avere un sito che sembra un quotidiano per essere un quotidiano.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...