L’uomo dei coni

Pubblicato: 19 luglio 2008 in Bella Italia, Storie di vita vissuta

Il lavoro consiste nel controllare che nessuno entri ed esca dal parcheggio finché non saranno finiti i lavori. L’accesso al parcheggio sarà impedito da coni di gomma a strisce bianche e nere.

Anche stamattina, come tutte le mattine, l’uomo dei coni arriva in leggero anticipo sul posto di lavoro consapevole che i lavori non finiranno mai, allinea in bella mostra i suoi coni e si mette ad aspettare. Sorride, l’uomo di coni, pensando a come erano tristi i primi giorni in cui la fila dei coni teneva tutta la carreggiata e lui doveva spostarli e rimetterli a posto ad ogni macchina che passava, in entrata ed in uscita. Sorride pensando alle infinite discussioni con la moglie, o con gli amici la domenica fuori dalla chiesa, su come fare per migliorare quella condizione pietosa di lavoro.

Guarda soddisfatto, l’uomo dei coni, la linea dimezzata di coni che chiude il passaggio solo alle macchine che entrano, che possono così evitarla passando sull’altra corsia, e va contento a prendere il primo caffé della giornata.

La retribuzione sarà di euro 850 mensili compresi contributi, tredicesima e quattordicesima.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...