Ipercondria

Pubblicato: 28 luglio 2010 in Senza Categoria

Scopro che l’autodiagnosi di alcune patologie è a sua volta una patologia. Lo sapeva bene Jerome K Jerome che ne fa iniziare in modo indimenticabile il suo famoso TRE UOMINI IN BARCA (per tacere del cane):

Sapevo benissimo che si trattava del fegato in disordine perché avevo letto proprio allora un foglietto propagandistico di certe pillole per il fegato nel quale erano elencati tutti i vari sintomi per cui uno può affermare che il proprio fegato è in disordine. E io, quei sintomi, li avevo tutti.

Sarà una cosa straordinaria, ma io non ho mai letto un foglio di propaganda farmaceutica senza arrivare alla conclusione che soffro di quella particolare malattia, descritta dal volantino nella sua forma più virulenta. In ogni singolo caso la diagnosi sembra corrispondere esattamente a tutti i sintomi ch’io abbia mai avvertito. Ricordo che un giorno andai al Museo Britannico per leggere la cura di una lieve indisposizione di cui avevo cominciato a soffrire – febbre da fieno, mi pare. Presi giù il libro e lessi tutto quello ch’ero venuto a leggere; e poi, soprappensiero per un momento, sfogliai le pagine pigramente, e con indolenza mi misi a esaminare le malattie in generale.

Dimentico, ora, quale fu la prima infermità in cui mi ingolfai certo un flagello distruttore – e prima ancora che avessi dato un’occhiata alla metà dell’elenco dei “sintomi premonitori” c’era in me la certezza assoluta che, ovviamente, avevo quella malattia.

Rimasi per un momento agghiacciato dall’orrore, poi con l’indifferenza della disperazione, continuai a sfogliare le pagine. Arrivai alla febbre tifoidea – ne lessi i sintomi scoprii che avevo la febbre tifoidea, che dovevo portarmela addosso da mesi senza accorgermene – mi chiesi che altro ancora avessi; mi capitò sott’occhio il Ballo di San Vito – scoprii, come previsto, d’avere anche quello – e cominciando a interessarmi al mio caso decisi di scrutarmi fino in fondo e quindi ripresi la lettura in ordine alfabetico. Lessi: brividi di febbre intermittente, e seppi che ne soffrivo e che la crisi acuta sarebbe cominciata tra una quindicina di giorni. In quanto a Bright e alla sua malattia del rene, rimasi consolato scoprendo che l’avevo solo in una forma di sottospecie e che, quanto a lei, mi avrebbe fatto vivere per anni.

Il colera ce lo avevo e con gravi complicazioni; con la difterite sembrava che ci fossi nato. Mi sprofondai coscienziosamente in tutte e ventisei le lettere e arrivai alla conclusione che l’unica malattia da cui ero esente era il ginocchio della lavandaia.

Tra le patologie la cui autodiagnosi è una patologia ci sono le fobie, alcuni disturbi della personalità e, naturalmente, l’autodiagnosi di una patologia.

Riferimenti:

Claudio Cicali cibercondriaco su FriendFeed🙂
Cyberchondria

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...