1000 giorni

Pubblicato: 5 novembre 2011 in Bella Italia, Terremoto
Tag:

Volevo proporre un incontro 1000 giorni dopo. Volevo dire ai fotografi, agli scrittori, ai musicisti ma anche a tutti gli altri vediamoci là al millesimo giorno, facciamo una specie di barcamp, una specie di convegno dove però nessuno deve dire niente a nessuno, dove là città e le sue rovine piangeranno di dolore, parleranno, si spiegheranno e cercheranno disperatamente di farsi capire.
Pensavo di coinvolgere anche alcuni amici che tenacemente continuano a vivere lì e, non so come fanno, resistono, propongono, cercano di fare sentire la loro voce che però è sempre più debole e stanca.
Mi piaceva l’idea. Alle 3 e 32 tutti insieme ci guardiamo, ricordiamo l’accaduto, registriamo il fatto che gli abitanti e la città sono stati di fatto abbandonati da tutti, il millesimo giorno è un confine simbolico, il confine dell’oblìo.
Già vedevo il giorno dopo tutta la rete piena di foto, di poesie, di rabbia. “L’Aquila mille giorni dopo”, mi sembrava che potesse funzionare.

Sono andato sul calendario per vedere quando cadrà il millesimo giorno dal terremoto, quale sarà il giorno in cui tutti insieme potremo andare lì non solo per accusare, cosa che va sicuramente fatta, ma anche per sostenere, raccontare, registrare.

Ho capito così il Karma che ha questa città, ho capito la fine del mondo.

Il millesimo giorno è il primo gennaio 2012.

commenti
  1. Miki,
    condivido la tua idea.
    Saluti,
    Salvatore D’Agostino

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...