Capire a fondo il fondamento

Pubblicato: 6 dicembre 2011 in Signorina A.

Niente, pensavo di averla capito al volo un secolo fa e credevo di averne già parlato qui, ma non è così. C’è una delle centouno storie che in qualche modo io considero la più importante, è la numero 97 e la riporto qui per correttezza:

Nei tempi remoti, in Giappone, si usavano lanterne di carta e di bambù con le candele dentro. Una notte, a un cieco che era andato a trovarlo, un tale offrì una lanterna da portarsi a casa.
«A me non serve una lanterna» disse il cieco. «Buio o luce per me sono la stessa cosa».
«Lo so che per trovare la strada a te non serve una lanterna,» rispose l’altro «ma se non l’hai, qualcuno può venirti addosso. Perciò devi prenderla».
Il cieco se ne andò con la lanterna, ma non era ancora andato molto lontano quando si sentì urtare con violenza. «Guarda dove vai!» esclamò il cieco allo sconosciuto. «Non vedi questa lanterna?».
«La tua candela si è spenta, fratello» rispose lo sconosciuto.

Mi è capitato di parlare della cecità con la Signorina A. e per farmi bello le ho raccontato con parole mie (ma non molto lontane dall’originale) questa storia e sapete cosa mi ha risposto?

«Il tale è un bastardo, gli ha dato la lanterna spenta!»

Non ci avevo pensato.

commenti
  1. AlessandraC scrive:

    bellissimo🙂

  2. Elisa scrive:

    E se la lanterna invece fosse stata accesa, e chi ha urtato il cieco un cafone che non aveva voglia di scusarsi?

    • Miki scrive:

      Sì, avevo anche pensato che il cieco poteva essersi inventato tutto e lo sconosciuto gli aveva detto della candela spenta per cortesia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...